Tammurriata dei proverbi
(Marano Orlando)

Quanno a  terra è e male razza
ne concima e manco monnezza
E a fine e l’anno
Arrecuogghe capo e e cazz
Gente e campagna
e legname e castagno
Nunn’appiccia
e nun varagna

O porco fete vivo
E addora quanno è morto
L’ommo addora vivo
E fete quanno è  morto
A femmina fete sempe
Quanno e viva e quanno è morta.
‘A gallina fa fessa ‘a femmana
O porco fa fesso l’ommo

L’uocchio ro padrone
ngrassa o cavallo
A carne fa o sango
a fatica fa jiettà o sango
O masto a uocchie
è masto a capocchie
Chi pava annanzi
è male servuto

O ppane e surore
Tene nu bello sapore
O bravo faticatore
nun se more mai e fame
Quanno nun è arte vosta
è inutile ca te mpuoste
e co ste facci toste
joate a fa nculo e femmene voste

Chello ca s’’mpara a giovane
non se scorda a viecchio
A llava’ a capo o ciuccio
se perde o tempo e o sapone
Femmene corte
e menesta crura
portono l’ommo
a sepoltura

Chi s’annammora de capille e de riente
nun s’annammora e niente
Quanno a femmina o culo l’abballa
si nun è zoccola  riavolo falla
A femmana senza pietto
e comm’o stipo senza piatti.
A zita cuntignosa
Tutt’ so pensa e nun se sposa

Meglio sulo
Ca male accompagnato
A bona compagnia
Accorcia a via
Mazze e penelle
Fanno i figghi belli
Panelle senza mazze
Fanno i figghi pazze

Chi s’aiza a matina
S’abbusca o carlino
Chi s’aiza a ghiuorno
S’abbusca nu cuorno
Sole e marzo
E culo e criaturo
Nun po gghì
mai sicuro.