Precario
 (Orlando Marano)

Fatichi pe sei misi 
e stai sempe punto e a ccapo
Pe t’abbuscà a jornata
e pe te pavà na rata

Curnuto e mazziato 
Se fatica  a  mezzabotta
Co sta forma e tirannia
stai sempe mmiezzo a via.

Co i  quatto sorde ca te ranno
Non sai manco fino a quanno
Tu t’accire a faticà 
a o futuro nunn’a penzà
Mo te pigghiono pe canna
e ti siente no mezz’ommo
A fatica a Pigghi  e a lass
e o padrone  chhiù sa spass 

A Ghhiornata o Precariato?
Stai male cumbinato
Quà nun cagna mai niente
E nisciuno te vo  sente  (due volte)

A li tiempi ormai passati
Campavi a gghiornata
Iv’ annanzi chien’e stress
Speranno int’ o progress

O figghio mio fa o precario
Lavoro sano a miezzo salario.
O progresso è no mercato
e tutto o munno è governato!

ne Pasquà ma commu  cazz ‘è ?
Ca fatica nun c’è né ?
Munno è stat e munno è ?
Vanno sempe ‘nculo a mè ?
o mercato , o progresso
a canzona è sempe a stessa!
tu a fatica a pigghi e a lass ,
e o padrone sempe sa spass !
A Ghhiornata o Precariato?
Stai male cumbinato
Quà nun cagna mai niente
E nisciuno te vo  sente  (due volte)

(canto a fronna)

E quanno vogghio mète,
e mète vvogghio,
padrò nun me passà
cipolla e agghio,
padrò nun me passà
agghio e cipolla,
sinnò la mititura
te la ‘mbrogghio.