Forchettone
(Orlando Marano)

Se prereca o lavoro,
pe tanta poverielli,
No pacco e maccaruni,
na scatala e pisielli.

‘A speranza e na fatica,
quanno vuoti s’appresenta
Mmiezzo a tutta sta miseria,
se coffea sempe a ggente.

Se fa sempe a mette a coppa
a chi vatti e a chi prummitti
N’zieme a tanta Caporali
tutti n’grassati ra o Padrone

Forchettone, Forchettone
Paraculo re  putienti
Tu t’abbuffi comm’a no puorco
Non te va mai nienti stuorto.
Forchettone, Forchettone
Ruffiano re deputati
E poverielli vi cusciati
Pe tutte e palle ca contati.
Forchettone, Forchettone
Appena vota a situazione
Cagni subito Paranza
Senza scuorno e ne crianza

Re fatiche perze
se contono storie antiche
tanta belli mistieri,
ca oggi so scomparzi.

o cinema Leone,
non tene cchiù na vita
na jocata a palle, a padrone e sotta,
nu cuppitiello co e fave cotte.

I compagni a futti compagni
anna perzo puro a favici
arravogghiono e bandiere
so addiventati tutti banchieri

Forchettone, Forchettone…

O castello e coppa Serra,
non parla e se è addurmuto.
Se contono e persone,
poverielli e desperati .
No suonno pe no posto,
rint’a na fabbrichetta;
o mulino s’è fermato,
o furno a legna s’è stutato.

Tutto o Feudo stà in esilio
so rimaste sulo e pallottole
ca se magna o Forchettone
quanno vene pe ve fotte .

Forchettone, Forchettone…